Mese: marzo 2019

“Poltron”?!

Tutti sappiamo cosa significa “rendez-vous”, ma attenzione alla parola “appointements”, che a naso potrebbe sembrare un sinonimo, in realtà significa salario, retribuzione. A proposito di salario, ricordiamoci che “brut” sta per “lordo”, se riferito a un prezzo. Ritroviamo lo stesso vocabolo sulle bottiglie di spumante, come indizio del minor tenore di zuccheri, oppure quando in…
Leggi tutto

à cheval donné

Si sa che a caval donato non si guarda in bocca, esiste anche in francese la stessa espressione (“à cheval donné on ne regarde pas les dents…”) e non è l’unico modo di dire che vede il cavallo protagonista. Di una persona intransigente o puntigliosa si dice che è “à cheval sur…” l’argomento o il…
Leggi tutto

Automobile vs voiture

In francese esiste “automobile” [otomɔbil], ma nell’uso comune vince a mani basse il termine “voiture”. Parole molto simili (in questo caso identiche) tra una lingua e un’altra possono rimandare allo stesso concetto, ma per l’evoluzione della lingua appartenere a registri e contesti differenti. Si parla quindi correttamente di “industrie automobile” per il settore automobilistico, raramente…
Leggi tutto

La clé des champs

L’espressione francese “chercher midi à quatorze heures” (cercare mezzogiorno alle quattordici) significa complicare inutilmente questioni semplici, arrovellarsi su un problema che non c’è. A chi è troppo minuzioso anche Oltralpe si rimprovera di “couper les cheveux en quatre”, “spaccare il capello in quattro”. Nell’espressione francese capello è usato al plurale. Quando invece si supera qualcosa…
Leggi tutto

Roar!

📎“miam miam!”😋: sei in Francia e stai per magiare qualcosa che ti piace. 📎Hai il raffreddore Oltralpe? “Atchoum!”(sì!😉) 📎Tremi per il freddo? “Aglagla!” Le onomatopee cambiano da una lingua a un’altra, principalmente nella scrittura, che tenta di imitare un suono, naturale o meno, con la combinazione di fonemi di cui dispone. Un chiaro esempio si…
Leggi tutto

Croissant o brioche? No, non è la stessa cosa…

La Francia ha una tradizione dolciaria ricchissima, imparare a riconoscere e chiamare correttamente i prodotti di pasticceria è un duro lavoro…😜 Non vanno confusi ad esempio brioche e croissant, che hanno forma e gusto differente, quelli che noi chiamiamo “bigné” sono in realtà “choux à la crème”, mentre il “beignet” ha un impasto più simile…
Leggi tutto